Negli ultimi tempi sono stati condotti molto di studi sull'argomento che riguarda la salute orale e di come questo può influire sull'andamento regolare di una gravidanza. nello specifico si è cercato di rispondere alla domanda: “E’ possibile effettuare la pulizia dei denti in gravidanza?”. In questo articolo scopriamo qual è la risposta.

Se il nostro cavo orale e in una situazione di benessere grazie a igiene e cure adeguate, lo sviluppo del feto ne può beneficiare in maniera positiva. Infatti, è stato dimostrato da molti studi che se si offre di parodontite in gravidanza si rischiano anche disturbi molto seri fino ad un parto prematuro e la nascita di un bambino sottopeso.

Parodontite: che malattia è?

Un tempo chiamata piorrea, la parodontite, è una patologia legata ad insufficiente igiene orale. questa fa accumulare la placca dentogengivale che comporta uno squilibrio ai microbi che sono normalmente presenti nella bocca. Quando questi microbi vengono eliminati grazie ad una buona igiene orale e ad una pulizia dei denti in gravidanza eseguita ogni 6 mesi da un professionista, il rischio di soffrire di malattie paradontali e molto ridotto.

Ma come fare a capire se si soffre di parodontite? Ecco i sintomi a cui prestare attenzione:

  • Bruciore o dolore alle gengive;
  • Cattivo alito;
  • fastidio a mangiare specifici alimenti;
  • cambiamento di colore delle gengive tendenti al rosso; gonfiore e sanguinamento al tocco dello spazzolino.

Questi sintomi possono interessare solo un dente, una zona o tutta la bocca. Al principio si definisce semplicemente gengivite ma quando viene trascurata essa avanza e diventa irreversibile con sintomi quali la recessione delle gengive, perdita dell’osso che supporta le ossa mascellari, denti mobili che col tempo cadono.

Vediamo allora come prevenire la parodontite con la pulizia dei denti in gravidanza.

Prevenire la parodontite con la pulizia dei denti in gravidanza

pulizia dei denti in gravidanza

Quando la donna è incinta subisce molti cambiamenti immunitari e ormonali è per tal motivo rischia maggiormente di soffrire di infiammazioni locali che se vengono trascurate creano problemi di tipo sistemico anche alla placenta disturbando il feto. Ad esempio, se i batteri della bocca arrivano al sistema circolatorio possono intaccare la barriera placentale ed arrivare al feto. Ciò può causare danni alla crescita fetale e fa rischiare un parto prematuro.

Nonostante si effettua una corretta pulizia dei denti in gravidanza a volte può capitare che si sviluppi quella conosciuta come gengivite gravidica che raggiunge i suoi massimi livelli intorno all' ottavo mese di gravidanza causando anche neoformazioni benigne gengivali che solitamente regrediscono da sole dopo il parto.

I consigli per un’igiene orale corretta

Una donna in gravidanza ha paure e timori naturali relativi al benessere del proprio bambino. spesso ci si affida ai social network nei quali è erroneamente sconsigliato di effettuare una pulizia dei denti in gravidanza. Come abbiamo già anticipato e come asseriscono le linee guida del ministero della salute la maggioranza delle cure odontoiatriche possono essere eseguite senza alcun pericolo, inclusa la pulizia dei denti in gravidanza.

Per assicurarsi di avere una buona igiene orale bisognerebbe recarsi dal proprio igienista almeno una volta in ogni trimestre di gravidanza. Una seduta di pulizia dei denti in gravidanza è consentita in ogni momento della gestazione e non ha nessun tipo di controindicazione in quanto gli apparecchi utilizzati per l'ablazione del tartaro non creano alcun problema né alla mamma e nemmeno al bimbo.

L'igienista vi puoi anche consigliare un'alimentazione corretta per migliorare i fastidi legati al reflusso e nausea. Un altro trattamento concesso è quello che riguarda la levigatura radicolare mentre per quanto riguarda la pulizia dei denti in gravidanza vi sconsigliamo di completarla con lo sbiancamento con il perossido di idrogeno e di rimandare questi trattamenti estetici a dopo il parto.

Per una corretta pulizia dei denti in gravidanza, infine raccomandiamo l'utilizzo di un collutorio senza alcool e di un dentifricio non abrasivo; inoltre, evitate anche gli spazzolini a setole dure. è consigliato invece l'utilizzo di scovolino o filo interdentale alla sera per eliminare ogni residuo di cibo e ridurre la formazione di batteri.

Speriamo di avervi chiarito ogni dubbio sulla pulizia dei denti in gravidanza.

Sbiancamento dentale in gravidanza: è possibile?

denti bianchi

Dopo aver parlato della pulizia dei denti in gravidanza potrebbe sorgere spontanea la domanda sulla possibilità di poter o meno effettuare anche lo sbiancamento dei denti, una pratica ormai ampiamente diffusa perché permette di sfoggiare un sorriso luminoso.

Ma una cosa è la pulizia dei denti in gravidanza che viene effettuata con strumenti che non danneggiano in alcun modo né la madre né il feto, un’altra è lo sbiancamento dei denti che non va effettuato in gravidanza poiché in questo caso gli agenti che operano lo sbiancamento sono chimici e anche se al momento non vi sono studi che dimostrano la loro eventuale tossicità, non vi sono neanche studi che dimostrano il contrario.

Gli acidi usati durante lo sbiancamento, infatti, potrebbero infatti passare al bambino e per questo il nostro consiglio è quello di optare per una semplice pulizia dei denti in gravidanza e rimandare invece lo sbiancamento a dopo la nascita del piccolo, meglio ancora se dopo l’allattamento per evitare che questi agenti chimici finiscano nel latte e mettano al rischio il bambino.
Il discorso fatto fino a qui, ricordiamo, vale anche per i prodotti sbiancanti in genere reperibili anche al supermercato, nonostante il contenuto di queste sostanze sia inferiore rispetto a quanto utilizzato dal dentista, si tratta pur sempre di sostanze potenzialmente pericolose.

Inoltre, dovreste già essere a conoscenza che la pulizia dei denti in gravidanza e non è essenziale, ma che lo sbiancamento, invece, è una pratica che può indebolire lo smalto.
Questo rischio appare maggiore in gravidanza, periodo durante il quale mantenere la salute dei propri denti è essenziale, ma il tutto sempre in modo totalmente razionale.
Trattandosi dunque di una pratica da valutare anche nel caso in cui non si sia in dolce attesa, rivolgetevi sempre al vostro dentista di fiducia e mettete al primo posto la vostra salute e quella del bambino: c’è sempre tempo per un sorriso mozzafiato, soprattutto quando ci si prende cura dello stesso da sempre attraverso l’igiene quotidiana.

L'articolo è stato scritto dalla Redazione di ElaMedia Group

Altri articoli che potrebbero interessarti

Apicectomia dentale, quali i costi per questo intervento

apicectomia dentale

Sebbene ormai i controlli dentistici periodici sono diventati un’abitudine per moltissime persone, può capitare che delle problematiche, anche serie, possano sempre presentarsi e costringere ad effettuare interventi urgenti oppure molto invasivi. Tuttavia, queste urgenze tendono ad essere meno probabili se un individuo comincia sin da ragazzo ad avere una corretta igiene orale e a fare, come abbiamo detto, controlli periodici presso il proprio dentista.

Numerazione dei denti: in cosa consiste? Vediamolo insieme

la numerazione dei denti

E' capitato a tutti di dover passare qualche volta da uno specialista per poter effettuare non solo un semplice controllo, ma purtroppo per l'estrazione o la cura di un dente. Tuttavia, come ben sappiamo, i denti presenti nella nostra bocca sono diversi per tipologia e funzione. Come è possibile che questi professionisti possano ricordarsi quale sia quello da curare con certezza e senza possibilità di errore?