Anche se non si tratta di una problematica importante, come invece possono essere altre patologie legate alla bocca, l’inestetismo dei denti gialli può influire molto sulla fiducia personale di una persona e su come, quest’ultima, si pone ogni giorno a sorridere con il prossimo. Il colore dei denti ha la peculiarità di cambiare sia a seguito di quello che si mangia o si beve, sia come conseguenza di un trattamento sbiancante, effettuato autonomamente in casa oppure in maniera professionale dal dentista. Vediamo insieme le dieci maggiori cause per cui i denti possono ingiallire, e di conseguenza, come fare per combattere e prevenire questo fastidioso inestetismo.

Genetica

Alcune volte, il colore dei denti può essere una sorta di eredità che si trasmette di generazione in generazione. Se i denti di uno dei genitori di un individuo, sono di colore giallo, allora è molto alta la probabilità che anche i figli abbiano una dentatura di tonalità simile. I colori marrone rossastro, giallo rossastro, grigio e grigio rossastro sono le quattro tonalità naturali di denti altrimenti bianchi e questa profondità di colore varia a seconda dello spettro di luce.

Dentina

I denti possono sembrare gialli quando lo smalto è molto sottile e la dentina che si trova al di sotto viene “più a galla”. La dentina, infatti, è un materiale che per sua natura è color giallo-marrone e si trova all'interno dei denti, proprio sotto lo smalto, appunto, ed è spesso responsabile del colorito giallo che si vede quando ci si guarda allo specchio. Anche questo, però, non deve spaventare, infatti, ci sono molti modi estremamente efficaci per come curare lo smalto dei denti.

Denti gialli a causa del Fumo

Il fumo è una causa molto frequente responsabile dell’ingiallimento dei denti gialli ed è dovuta alla presenza di nicotina contenuta nelle sigarette; questa sostanza è altresì capace di sviluppare una dipendenza malsana. Quindi, smettere di fumare, oltre ad evitare antiestetiche macchie giallognole o marroni sui denti, è salutare per sconfiggere l'abitudine.

Alimenti

L’alimentazione potrebbe sembrare innocua ma esiste una vasta gamma di cibi capaci di macchiare i denti, come ad esempio il sugo, alcune spezie come il oppure ancora i frutti di bosco. Tutti questi alimenti contengono dei pigmenti che si attaccano allo smalto dei denti gialli e ne macchiano la superficie. Anche un'insalata condita con aceto balsamico può lasciare un colore sgradevole sui denti. Quindi, dopo aver mangiato questi cibi è opportuno spazzolare efficacemente i denti gialli per favorire l’igiene orale.

Bevande

Anche alcune bevande, come ad esempio caffè e the possono rappresentare due delle cause più comuni responsabili dei denti gialli; un’altra bevanda off-limits è anche il vino rosso che seppur in maniera minore, ha le sue “colpe”. Poi ci sono, ancora, la coca cola e le bevande sportive dal sapore artificiale che anche se meno macchiano ugualmente i denti.

Fluorosi

dent gialli

Molto importante è il fluoruro che solitamente è una sostanza utile per i denti, ma, se in eccesso può causare delle macchie gialle note come fluorosi. Il dentifricio al fluoruro e le compresse di trattamenti dentali sono le più grandi fonti di fluoruro quindi è sempre meglio chiedere al dentista quanto fluoruro è consigliato quotidianamente.

Incidenti

Può sembrare strano ma l'impatto che può derivare a seguito di un incidente o di un trauma fisico può far rompere lo smalto dei denti gialli e danneggiarne la parte interna. Si tratta di una situazione che richiede necessariamente un trattamento professionale.

Bruxismo

Un’altra causa è rappresentata dal bruxismo; si tratta di un'abitudine inconscia che alcune persone hanno quando sono stressate, specialmente durante la notte mentre dormono. Consiste nel digrignare i denti l'uno contro l'altro fino ad arrivare a consumare lo smalto. È purtroppo una situazione molto dannosa per i denti, che a forza di indebolirsi possono arrivare fino al punto di rottura.

Come evitare i denti gialli

denti gialli

Il modo migliore per evitare la formazione dei denti gialli è quello di spazzolarli in maniera efficace più volte al giorno, può essere utile anche l'uso di una penna sbiancante che fra i trattamenti sbiancanti che si possono effettuare autonomamente in casa è tra le soluzioni migliori per evitare i denti gialli. Per far fronte alle macchie più forti e resistenti, è consigliabile prenotare una visita dal proprio dentista di fiducia, che provvederà ad effettuare una pulizia professionale per eliminare delicatamente dalla bocca i batteri ed il tartaro, portando la vostra dentatura al colore di origine e nuovamente lucida.

Quando si tratta di macchie sullo smalto, tuttavia, la prevenzione è migliore della cura.

Prevenzione per combattere i Denti gialli

Per prevenire i denti gialli si dovrebbe limitare il consumo di alimenti e bevande che causano l'ingiallimento dei denti o comunque praticare una buona igiene orale dopo averli assunti. Come già detto, è consigliabile eliminare del tutto l’uso del tabacco. Inoltre utilizzare un colluttorio allo xilitolo vi aiuterà nelle situazioni in cui si possiede una flora batterica molto attiva.

Infine, sottoporsi ad una pulizia professionale presso il dentista di fiducia rappresenterà per voi la soluzione migliore.

 
 
 

L'articolo è stato scritto dalla Redazione di ElaMedia Group

Altri articoli che potrebbero interessarti

Struttura del dente: scopriamo la sua anatomia e di cosa si compone

struttura del dente

Sapevate che le cellule che formano i denti cominciano ad operare fin durante la primissima parte della nostra vita embrionale? E’ a sette settimane dal concepimento che le cellule in questione cominciano a differenziarsi.

Numerazione dei denti: in cosa consiste? Vediamolo insieme

la numerazione dei denti

E' capitato a tutti di dover passare qualche volta da uno specialista per poter effettuare non solo un semplice controllo, ma purtroppo per l'estrazione o la cura di un dente. Tuttavia, come ben sappiamo, i denti presenti nella nostra bocca sono diversi per tipologia e funzione. Come è possibile che questi professionisti possano ricordarsi quale sia quello da curare con certezza e senza possibilità di errore?