Avere un bel sorriso e dei denti curati rappresentano un ottimo biglietto da visita nei nostri rapporti sociali con altre persone, siano essi partner, amici o colleghi di lavoro. Tuttavia, per avere cura dei nostri denti dobbiamo dedicargli un pó di tempo giornaliero per la loro corretta pulizia. E quest'ultima la si ottiene anche grazie all'uso di strumenti adatti a questo scopo, come ad esempio lo spazzolino elettrico o quello tradizionale. E negli ultimi anni la diffusione del primo si è sempre piú incrementata rispetto a quella del secondo.

La crescita della diffusione dello spazzolino elettrico è dovuta a diversi fattori, tra cui prezzi sempre piú ridotti e competitivi rispetto al passato; prodotti migliori, piú performanti e con una durata maggiore in confronto agli stessi strumenti degli anni passati; una superiore facilitá di utilizzo rispetto ad uno spazzolino di tipo tradizionale. A tutto questo si aggiunge, inoltre, anche una tecnologia semplice e alla portata di tutti, soprattutto per bambini ed anziani. Naturalmente, è importante saperlo utilizzare in modo corretto e, come vedremo, averne cura.

Lo spazzolino elettrico, come raccomandano i dentisti, deve essere un alleato quotidiano nell’igiene del cavo orale. In media, uno spazzolino elettrico aiuta a rimuovere il 7% in più della placca depositata sui denti dopo un pasto rispetto allo spazzolino manuale. Infatti, spazzolare in maniera corretta è fondamentale per mantenere in salute non solo i denti ma anche le gengive, per evitare di doversi recare spesso dal dentista. 

Le caratteristiche principali dello spazzolino elettrico sono: il manico, che deve essere dritto e garantire un’impugnatura precisa; le testine, che possono essere differenti, rotonde oppure rettangolari. Solitamente, la prima tipologia è quella maggiormente consigliata poiché è in grado di avvolgere il dente e di procedere alla pulizia in modo adeguato; le setole sintetiche, che devono essere mediamente dure oppure morbide, specialmente se si tratta di spazzolini per bambini. Esistono diversi marchi di spazzolini elettrici tra cui scegliere, come gli spazzolini elettrici Oral B.

spazzolino elettrico

Una delle differenze tra uno spazzolino elettrico ed un altro è rappresentato dal movimento prodotto durante l'utilizzo. Vi puó essere infatti un movimento rotatorio o oscillante, con le setole che girano nello stesso verso nel primo caso, mentre cambiano senso di rotazione nel secondo. Poi, il movimento pulsante, che si aggiunge ai precedenti, consentendo uno spostamento avanti e indietro delle setole. Infine, il movimento sonico, che consiste in una spiccata vibrazione della testa dello spazzolino elettronico, per facilitare ulteriormente la rimozione della placca.

Uno spazzolino elettrico si differenzia da un altro anche per il tipo di testine utilizzate. Esiste la testina base, la piú diffusa ed è quella presente nelle confezioni tradizionali, dotata di setole medie, di durezza e spessore medio appunto. Le testine per denti sensibili, invece, sono fornite di setole morbide e sottili, adatte a coloro che soffrono di denti sensibili e infiammazione delle gengive. Infine, le testine sbiancanti, che presentano setole compatte ed un leggero uso di parti in silicone, per ottenere un effetto abrasivo su eventuali macchie presenti sulla dentatura

Come utilizzare correttamente lo spazzolino elettrico

I denti vanno lavati almeno due volte al giorno, dopo i pasti principali. Il tempo necessario da dedicare allo spazzolamento è di due minuti totali, da suddividere per ciascuna zona del cavo orale. Esistono dei modelli di spazzolino elettrico dotati di timer, che segnalano quando è giunto il momento di passare ad un’altra area da pulire, ed inoltre si spengono automaticamente trascorsi i due minuti necessari a completare lo spazzolamento. 

Per una pulizia corretta, è necessario inoltre seguire una corretta tecnica di spazzolamento. Lo spazzolino, esternamente va posizionato tra denti e gengive inclinato a 45°, in modo che le setole possano inserirsi agevolmente nel solco gengivale, ovvero lo spazio tra dente e gengiva dove solitamente si accumulano più residui. Solo dopo aver inserito lo spazzolino va attivato il movimento premendo l’apposito pulsante, e successivamente occorre spostarlo su tutti i lati. Per spazzolare l’interno dei denti, occorre posizionare lo spazzolino in modo verticale, insistendo su un dente per volta.

Come prendersi cura di questo strumento

toothbrush 115105 640

Lo spazzolino elettrico, come quello manuale, necessita di essere pulito con molta frequenza poiché su di esso possono rimanere dei residui ed esso può diventare un veicolo di batteri e causare infezioni. Bisogna risciacquare correttamente sotto un getto di acqua corrente e lasciarlo in posizione verticale affinché si possa asciugare in maniera corretta. La testina, inoltre, va coperta sempre, ed ovviamente va sostituita con una certa frequenza. Gli esperti, suggeriscono generalmente di cambiare la testina ogni tre mesi, anche se non appare consumata, poiché le setole possono sfilacciarsi e la pulizia risulta essere meno performante. Le setole sfilacciate, inoltre, possono irritare le gengive.

Gli spazzolini elettrici, inoltre, per durare di più richiedono alcuni accorgimenti. In primo luogo, uno spazzolino alimentato attraverso la carica elettrica, deve essere ricaricato nuovamente solo quando non si accende più (il ché significa che è totalmente scarico) e non tra un utilizzo e l’altro. Solo in questo modo si può preservare la batteria dello stesso. Ovviamente, si può utilizzare nuovamente solo a carica completa. Invece, per quanto concerne i modelli alimentati a pile, si può procedere alla rimozione delle stesse quando lo spazzolino non è più performante e non oscilla o ruota in modo adeguato.

L'articolo è stato scritto dalla Redazione di ElaMedia Group